La stagione teatrale del LAC 2021 – 2022 propone diversi spettacoli in orario scolastico dedicati alle Scuole dell'infanzia.

Lo spettacolo Tangram 七巧板 è indicato anche per la prima infanzia (1-4 anni).

Programma:

Tangram 七巧板
Ma 05.10.2021, ore 9:30
Teatro Foce
Durata 35’
Da 1 a 4 anni
Prima nazionale
Per prenotazioni e informazioni: 091 225 67 61 - info@fitfestival.ch

La Baracca (IT)
di e regia Andrea Buzzetti
con Matteo Bergonzoni, Giada Ciccolini, Lorenzo Monti
luci Giada Ciccolini, Matteo Bergonzoni
collaborazione alla messa in scena Enrico Montalbani
produzione La Baracca - Testoni Ragazzi


Tangram: un quadrato perfetto che si divide in sette forme geometriche. A partire da questi elementi è possibile creare una serie pressoché infinita di figure. Da questo famoso rompicapo cinese, nasce un percorso di ricerca sulla composizione e scomposizione dell’immagine.
In scena tre personaggi ci raccontano di un viaggio, costruendolo. Insieme attraversano luoghi conosciuti e altri inesplorati, incontrano soggetti strani in situazioni ancor più strane, giocano con loro e continuano a viaggiare fino a perdersi.
Solo attraverso la loro fiducia e l’aiuto reciproco riusciranno a tornare, accorgendosi di aver condiviso un’esperienza che li ha aiutati a crescere e a fidarsi l’uno dell’altro.

Jack e il fagiolo magico. Una storia tra terra e cielo
Me 06.10.2021, ore 9:30
Teatro Foce
Durata 45’
Da 4 a 8 anni
Prima nazionale
Per prenotazioni e informazioni: 091 225 67 61 - info@fitfestival.ch

La luna nel letto (IT)
da un’idea di Maria Pascale
testi, regia e scene Michelangelo Campanale
con Maria Pascale
voce registrata Lorenzo Gubello
assistente alla regia Annarita De Michele
assistente alla scenotecnica e costumi Maria Pascale
registrazioni audio Michelangelo Volpe
produzione La Luna nel Letto


Ve l’hanno mai detto che dei semplici fagioli possono essere magici?
Così magici da farci arrivare in cielo?
Ve lo hanno mai detto che si può correre a più non posso sulle nuvole?
Che non bisogna essere grandi e non c’è neppure bisogno del permesso?
E ve lo hanno mai detto che tra le nuvole si può trovare di tutto, anche un grande castello, e che nel castello...? Cosa può accadere tra terra e cielo, si potrebbe raccontare per ore!
Una cosa è certa: quando sulla terra le cose si complicano, si può sperare nel cielo e, statene certi, tutto si trasforma in una grande avventura! Parola del piccolo Jack!
Ispirato ad una fiaba della tradizione orale inglese – la prima pubblicazione apparve nel libro The History of Jack and the Bean-Stalk, stampato da Benjamin Tabard nel 1807 – lo spettacolo racconta la storia di un bambino che pur essendo piccolo riesce a trovare il lieto fine alle sue disavventure, guidato dal suo istinto, dalla sua fiducia nella vita e dalla sua intelligenza.

Abbracci
Lu 17.01.2022, ore 09:30
Teatro Foce 
Durata 45’
Dai 4 agli 8 anni

drammaturgia e regia Angelo Facchetti
con Michele Beltrami, Paola Cannizzaro o Stefania Caldognetto e Massimo Politi
produzione Teatro del Telaio
in collaborazione con LAC edu, Rassegna Senza confini – Teatro Pan

Gli abbracci sono un posto perfetto in cui abitare.

Due Panda stanno mettendo su casa, ognuno la propria. Si incontrano. Si guardano. Si piacciono. 
E poi? Come si fa a esprimere il proprio affetto? Come far sentire all’altro il battito del proprio cuore? Come si può condividere il bene più prezioso? È necessario andare a una scuola speciale: una scuola d’abbracci. Perché con gli abbracci si possono esprimere tante cose: ci si fa coraggio, si festeggia una vittoria, la gioia di un incontro o la speranza di ritrovarsi quando si va via. E così i nostri due Panda imparano a manifestare le proprie emozioni, fino a condividere la più grande di tutte, quella che rende colorato il mondo e fa fiorire anche i bambù. 
Una riflessione sul potere comunicativo di un gesto semplice come l’abbraccio: nasciamo in un abbraccio, da un abbraccio, spesso ce ne andiamo cercando un abbraccio; l’abbraccio è ciò che più spesso desideriamo nei momenti di sconforto, quando rivediamo qualcuno dopo molto tempo, quando vogliamo esprimere una gioia incontenibile. È per eccellenza il gesto della condivisione, dell’unione, della tenerezza, del ritorno, della riconciliazione. Un gesto che i bambini cercano e sentono come naturale all'interno del loro orizzonte affettivo, ma che si deve imparare ad ogni nuovo incontro. Alla scoperta dell'affettività e di quanto sia difficile esprimerla. Si tratta di un ambito che può far sorridere, emozionare e far riflettere tutti, bambini e adulti.