venerdì 13 gennaio

Palco Sala Teatro
da 12.- a 25.- CHF

20:30

sabato 14 gennaio

Palco Sala Teatro
da 12.- a 25.- CHF

20:30

Tra i lavori più conosciuti di Milo Rau, Hate Radio racconta la storia di RTLM/ Radio-Télévision Libre des Mille Collines, stazione radio ruandese che giocò un ruolo cruciale nel genocidio della minoranza Tutsi nel 1994, strage enorme che causò la morte di circa un milione di persone.

Fu proprio la radio il più potente strumento di propaganda violenta. Gli operatori della stazione radiofonica prepararono il genocidio per mesi, integrando nella propria programmazione musica, sport, comunicati politici e vere e proprie istigazioni all’omicidio.
Hate Radio si concentra sulla messa in scena di uno show della RTLM condotto da tre estremisti di etnia Hutu e dell’italo-belga Georges Ruggiu, ricostruendo filologicamente il contesto e portando in scena alcuni dei superstiti.
Come funziona il processo di affermazione dell’ideologia razzista? Come è possibile che l’individuo perda completamente la sua umanità? Ricorrendo a documenti e testimonianze dirette, l’opera del pluripremiato regista svizzero cerca di dare una risposta a questi interrogativi lasciando che gli spettatori facciano esperienza diretta di quanto accaduto.

ideazione, testo e regia
Milo Rau

drammaturgia e produzione
Jens Dietrich

con (dal vivo)
Afazali Dewaele
Sébastien Foucault
Diogène Ntarindwa;
(in video) Estelle Marion
Nancy Nkusi

scene e costumi
Anton Lukas

video
Marcel Bächtiger

suono
Jens Baudisch

assistente alla regia
Mascha Euchner-Martinez

collaborazione scientifica
Eva-Maria Bertschy

produzione
IIPM – International Institute of Political Murder Berlin/Zurich

in coproduzione con
Hauptstadtkulturfonds Berlin, Migros-Kulturprozent Schweiz, Pro Helvetia – Schweizer Kulturstiftung, Kulturamt St. Gallen, Kunsthaus Bregenz, Ernst Göhner Stiftung, HAU Berlin, Schlachthaus Theater Bern, Beursschouwburg Bruxelles, migros museum für gegenwartskunst Zurich, Kaserne Bâle, Südpol Lucerne, Verbrecher Verlag Berlin, Kigali Genocide Memorial Centre