sabato 04 marzo

Palco Sala Teatro
da 12.- a 25.- CHF

20:30

La coreografa e danzatrice ticinese Lorena Dozio continua il suo percorso verso l’invisibile ma questa volta attraverso la parola, mettendo al centro del suo nuovo lavoro la voce e il rapporto tra corpo e testo. In questa dissociazione tra il movimento e la sua descrizione, Dozio cerca una scappatoia per far apparire visitatori e fantasmi, in un dialogo tra la vita e la morte.

La coreografia verte sulla relazione tra l’ambiente circostante e i limiti del corpo. Lorena Dozio esplora la descrizione come apparizione dell’ambiente, del clima, delle sensazioni che un paesaggio può suggerire; come in un piano sequenza cinematografico nel quale, a poco a poco, le condizioni si modificano e si trasformano fino ad un incontro con un altro corpo, immateriale ma reso presente dal movimento della danzatrice. In seguito sarà questione di entrare all’interno del corpo in scena attraverso delle esperienze “limite” come la trance e l’apnea. Cosa succede nella mente e nel corpo durante questi stati di coscienza fisica modificati?
Il suono ed il dispositivo sonoro sono un elemento importante della drammaturgia in quanto permettono di creare presenze o assenze, integrare lo spettatore nello spazio scenico, creare un’immersione sensoriale attraverso la quadrifonia.

concezione, coreografia e danza
Lorena Dozio

drammaturgia, testi e interpretazione
Stéphane Bouquet

creazione sonora e musica
Kerwin Rolland

musica
Carlo Ciceri, Am Flusse da Ins Wasser (Ed. Suvini Zerboni)

con la partecipazione di
Ensemble900 del Conservatorio della Svizzera italiana

direzione
Francesco Bossaglia

Live Recording
11 settembre 2016

creazione luci
Séverine Rième

collaborazione artistica
Kerem Gelebek
Séverine Bauvais

ringraziamenti
Célia Rorive
Damien Brassart

collaborazione al testo
Julie Salgues *

collaborazione sopratitoli in italiano
Arianna Bianconi - Irradia

sviluppo e diffusione
Sylvie Becquet

crediti fotografici
Anna Domenigoni

produzione e amministrazione
Anna Ladeira
Sergio Chianca

produzione
Plateforme Crile

in coproduzione con
LAC Lugano Arte e Cultura, Micadanses - Paris

residenze artistiche
LAC Lugano Arte e Cultura, Grame, Théâtre Sévelin 36, Danse Dense, Micadanses, Festival Fait d’Hiver, Dansomètre, Centre Culturel Suisse de Paris, Palazzo Trevisan degli Ulivi – Venezia, Ménagerie de Verre – Paris, Centre National de la Danse – accueil résidence longue – Pantin

con il sostegno di
Pro Helvetia, Cantone Ticino - Fondo Swisslos, Città di Lugano, Percento Culturale Migros, DRAC Ile-de-France

In memoria di Carlo Ciceri

*Nello spettacolo ci si riferisce liberamente alla ricreazione e alla riscrittura dello spettacolo della Sagra della Primavera fatta da Dominique Brun con la danzatrice Julie Salgues nel ruolo dell’eletta a partire dell’opera originale di Nijinsky (1913), la scenografia e i costumi ispirati da quelli di Nicolas Roerich, sulla musica di Igor Stravinsky.