martedì 14 febbraio

Teatrostudio
da 12.- a 25.- CHF

Marco D’Agostin, premio Ubu come miglior performer “Under 35”, è autore di un lavoro pensato con e per Marta Ciappina, interprete singolare nel panorama della danza italiana che mette qui a disposizione la propria travolgente esistenza invitando il pubblico a entrare nei luoghi più oscuri e in quelli più luminosi della sua storia.

“La sua vita potrebbe essere raffigurata da due assi perpendicolari, su quello orizzontale tutto ciò che le è accaduto, ha visto, ascoltato in ogni istante, sul verticale soltanto qualche immagine, a sprofondare nella notte.” (A. Ernaux, Gli anni)

Qualcuno ha scritto che c’è una distanza incolmabile tra quel che è successo un tempo e il modo in cui ci appare ora, ammantato di una strana irrealtà. La coreografia de Gli anni è costruita per tentare di ricucire questo strappo: l’incandescente storia di un singolo - Marta Ciappina, interprete unica per itinerario artistico e peculiarità tecniche nel panorama della danza italiana - invita gli spettatori a giocare con la propria memoria. Il corpo di Marta e gli occhi di chi la guarda intraprendono un viaggio che fa la spola tra il presente - il momento della performance, irripetibile incontro romantico - e il passato di ognuno, in una trama di andate e ritorni che confonde le storie, le canzoni e i ricordi. Su palco e platea si stende lenta l’ombra di un romanzo: l’invito è a scriverlo assieme, un’opera a cento mani che ci esorti ad attraversare le rovine guardando in alto.

di
Marco D'Agostin

con
Marta Ciappina

suono e grafica 
Luca Scapellato

luci
Paolo Tizianel

conversazioni
Lisa Ferlazzo Natoli
Paolo Ruffini
Claudio Cirri

costruzione elementi scenici
Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

video editing
Alice Brazzit

promozione, cura
Damien Modolo

organizzazione
Eleonora Cavallo

amministrazione
Federica Giuliano

produzione
VAN

in coproduzione con
Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni e Fondazione CR Firenze;
Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa; Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale; Festival Aperto - Fondazione I Teatri; Tanzhaus nrw, Düsseldorf; Snaporazverein

con il sostegno di
L’arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna, CSC/OperaEstate Festival Veneto

con il supporto di
Istituto Italiano di Cultura di Colonia/MiC-Direzione Generale Spettacolo e Tanzhaus nrw, Düsseldorf, nell’ambito di NID international residencies programme

Foto di scena