Un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica e un incontro-conferenza curati dalla Compagnia Finzi Pasca in occasione della residenza artistica al LAC per condividere con il pubblico quasi quarant’anni di attività.

Da mercoledì 6 a domenica 10 luglio, la co-fondatrice della Compagnia Finzi Pasca, Maria Bonzanigo, compositrice e coreografa, dirige un laboratorio pratico sul gesto invisibile, tra coreografia, teatro e musica, che offrirà l'opportunità ai partecipanti di avvicinarsi al metodo del Teatro della Carezza sviluppato dalla compagnia, prima Teatro Sunil, dal 1983. Nel corso delle cinque giornate Maria sarà affiancata da alcuni interpreti della Compagnia: Jess Gardolin, Francesco Lanciotti, Beatriz Sayad, Rolando Tarquini, Micol Veglia, Melissa Vettore.

“Finalmente un sogno maturato negli ultimi anni si fa realtà: in passato ho guidato numerosi seminari e laboratori in molti paesi nel mondo, con l’obiettivo di sperimentare ed esplorare, assieme ai colleghi della compagnia, nell’ambito di culture diverse, questo nostro particolare approccio ai mestieri della scena. Un metodo nel quale convergono teatro, musica, danza, acrobazia, spazio scenico, creatori, interpreti, tecnici, pubblico e, naturalmente, il clown. Da tempo avvertiamo il desiderio di condividere nuovamente questa nostra esperienza.”
– Maria Bonzanigo

Conclude il laboratorio pratico, un incontro-conferenza gratuito organizzato da Maria Bonzanigo con Beatriz Sayad, che si svolgerà sabato 16 luglio dedicato alla riflessione sulla vocazione, la passione, l’adattamento e il senso che diamo di volta in volta al mestiere, con la partecipazione di ospiti speciali. 

Programma
 

Laboratorio pratico

Il laboratorio pratico si articola in due fasi, la prima da mercoledì 6 a venerdì 8 luglio, la seconda da sabato 9 a domenica 10 luglio, ed è possibile partecipare a una oppure ad entrambe.

Me 06–Ve 08.07, ore 18:00–21:00

Introduzione ai vari aspetti delle discipline proprie della Compagnia Finzi Pasca:

  • Le tecniche di allenamento di gruppo.
  • Il lavoro di ascolto, analisi della musica e del ritmo in relazione alla creazione coreografica singola o di gruppo, tra danza, acrobazia e teatro.

Divisione in gruppi per approfondire alcune discipline specifiche come:

  • L’allenamento dell’attore, danzatore, musicista o acrobata, nel quale il corpo, i sensi, il pensiero, l’immaginario e l’energia sono i mezzi per creare una relazione forte e precisa tra interpreti, spazio scenico e pubblico.
  • L’acrobazia aerea (divisi in gruppi secondo il grado di preparazione fisica e aperta quindi a tutti i livelli) con la possibilità di fare esperienza su alcuni attrezzi acrobatici e scenografici unici nel loro genere: l’Hugojo © e L’ADN©, concepiti dallo scenografo della Compagnia Hugo Gargiulo nel 2012.

Sa 09–Do 10.07, ore 10:00–12:00 e 14:00–17:00

Verrà sviluppato lo stesso lavoro della "Fase 1".
Coloro che partecipano alla "Fase 1" approfondiranno in modo più dettagliatto quanto già affrontato nei giorni precedenti.

Incontro-conferenza

Il workshop si conclude con la giornata del 16 luglio.

Sa 16.07, ore 10:00–12:00 e 14:00–17:00

“In questi quasi 40 anni di mestieri della scena, una domanda filosofica - inclusa la sua risposta - ci ha guidato nella ricerca di un equilibrio tra dramma e comicità. Ce l’aveva posta Marco Bonzanigo. Eccola: Quali sono le tre cose più importanti della vita? Le tre cose più importanti della vita sono quattro: chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo e cosa si mangia questa sera a cena?
Vi sono tanti libri, tanti incontri, che hanno influenzato gli inizi della Compagnia Finzi Pasca, (l’allora Teatro Sunil Ensemble) e il concetto di Teatro della Carezza. Tra le tante influenze letterarie emblematiche dei primi anni vi sono state Sul teatro delle marionette di Heinrich von Kleist, Le diciannove Rose di Mercea Eliade, i testi di René Girard, Le lezioni americane di Calvino, Sorriso sotto ai piedi di una scala di Henry Miller. Queste domande, questi libri, ci hanno permesso di specchiarci nel pensiero altrui. L’altro: il fondamento per il teatro, che si esprime nell’intricata e sottile materia della relazione tra gli esseri, le cose, lo spazio. Le risposte che diamo a queste domande sono tante. Ne abbiamo raccolte tra noi, tra gli amici, tra tanti artisti e produttori con cui abbiamo collaborato e naturalmente tra il pubblico.
Ci stiamo avvicinando ai 40 anni di mestiere portato nel mondo, quella età dove da una parte abbiamo già vissuto tanto, e dall’altra potremmo ricominciare. Abbiamo quindi sognato una immensa tavola, che potesse fare il giro di tutti i paesi che abbiamo visitato, o vissuto, e che potesse attraversare il tempo e ritrovare tanti di quelli che sono stati parte di questa storia. Inizieremo con chi potrà esserci.
Per riflettere, noi artisti, tecnici, produttori e collaboratori di questa Compagnia, abbiamo bisogno dei nostri piedi, delle nostre gambe, del bacino, della pancia, del cuore e del pensiero. E abbiamo bisogno anche del pubblico. Di voi. Allora abbiamo inventato il laboratorio e questa giornata per coinvolgervi e per continuare ad andare a fondo della questione.
Anche con pane e vino.”
– Maria Bonzanigo e Beatriz Sayad

Co-fondatrice della Compagnia Finzi Pasca, compositrice e coreografa.
Maria Bonzanigo ha composto musica e coreografie per la danza, per il teatro, per l’opera lirica, per grandi eventi, per il circo, per il cinema, per solisti e insiemi da camera, per orchestra e per coro. studia composizione con Paul Glass e danza, pedagogia della danza e coreografia con Rosalia Chladek. Negli anni novanta è professore per i corsi di formazione dell’IGRC (Chladek®System).
Nel 1984 incontra Daniele Finzi Pasca, con il quale inizia e avvia una collaborazione artistica intensa e duratura. Assieme sviluppano una tecnica teatrale che battezzano “Teatro della carezza” e fondano con  Marco Finzi Pasca e successivamente con Antonio Vergamini, Hugo Gargiulo e Dolores Heredia, la compagnia Teatro Sunil. Dagli anni 80 fino al 2010 Maria Bonzanigo è stata attiva (oltre che come compositrice e coreografa) come danzatrice e attrice. Dal 2010 decide di non stare più sulla scena come interprete e si concentra maggiormente sulla composizione e la coreografia, perfezionando e sviluppando la sua visione e stile, in particolare per quanto riguarda il rapporto che intercorre tra musica e scena. Nel 2011, insieme ad Antonio Vergamini, Daniele Finzi Pasca, Hugo Gargiulo e Julie Hamelin Finzi, co-fonda la Compagnia Finzi Pasca, una nuova struttura che unisce i destini del Teatro Sunil e di Inlevitas. Alcuni dei progetti salienti nei quali Maria Bonzanigo ha partecipato come creatrice sono Rain, comme une pluie dans tes yeux (musiche), produzione del Cirque Eloize, Corteo (musiche) produzione del Cirque du Soleil (oltre 8 milioni di spettatori), la Cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Torino 2006 (parte della musica originale e delle coreografie acrobatiche) Montréal Avudo (una produzione per il 375mo anniversario della città canadese nel 2017 con sue musiche originali registrate dalla Orchestre Métropolitain di Montréal, la Fête des Vignerons 2019, uno spettacolo-celebrazione che viene creato a Vevey (Svizzera) da 4 a 5 volte al secolo e per il quale è stata direttrice musicale e compositrice principale. Tra le varie produzioni della compagnia Finzi Pasca spiccano gli spettacoli Donka. Una lettera a Čechov musiche e co-coreografie, (creato per il 150mo anniversario della nascita di Anton Čechov). La Verità (2013), Per te (2016) e Nebbia (2007) musiche e co-coreografie, per il quale ha ricevuto (per le musiche) il premio Gascon-Roux Award del Théâtre du Nouveau Monde (TNM) a Montréal. Per questi tre spettacoli e in altre occasioni le sue composizioni sono state registrate dall’OSI Orchestra della Svizzera italiana a Lugano (Svizzera). Da sottolineare è la sua importante e fruttuosa collaborazione artistica nel mondo teatrale, circense, operistico e dei grandi eventi, sempre con lo stesso team di creatori: il regista e autore Daniele Finzi Pasca, lo scenografo Hugo Gargiulo (suo marito), la costumista Giovanna Buzzi e il video-artista Roberto Vitalini. Per il cinema, oltre ad essere presente la sua musica in numerosi documentari, scrive la musica originale di Oro verde (2014) e L’afrique des Femmes (2021) di Mohammed Soudani e del documentario sul CERN, Il senso della bellezza (2017), di Valerio Jalongo. Per l’opera lirica firma le coreografie di Pagliacci di Leoncavallo (Teatro San Carlo, Napoli, 2011) diretta dal Maestro Donato Renzetti, poi dal Maestro Nello Santi, Carmen di Bizet (Teatro San Carlo, 2016) diretta dal Maestro Zubin Mehta, Les contes d’Hoffmann di Hoffenbach (Staatsoper Hamburg 2021), diretta dal Maestro Ken Nagano, e con Daniele Finzi Pasca le coreografie di Einstein on the Beach di Philip Glass (Grand théatre de Genève 2019) diretta dal Maestro Titus Engel. Le sue musiche sono in parte pubblicate da Jecklin, Teatro Sunil, Cirque du Soleil, Cirque Eloize, Edizioni de Agostini, Compagnia Finzi Pasca, VDE GALLO, Editions Schola Cantorum.

Danzatrice, acrobata, pattinatrice: Jess è artista multidisciplinare originaria di Rio do Sul (Brasile). Si avvicina allo sport all’età di 5 anni, diventa poi atleta agonista e successivamente campionessa regionale e nazionale di pattinaggio artistico. Seguendo la sua passione per l’arte, frequenta la scuola di Danza Teatro Guaíra (EDTG) e si laurea alla Faculdade de Artes do Paraná (FAP), attraverso un percorso di danza, teatro fisico e acrobatico, riuscendo a portare sulla scena i suoi pattini. Dopo aver lavorato in grandi spettacoli quali il musical Wicked (Broadway T4F Produções), in tournée con la Compagnia circense Rudá e al Star World Casino (Macao), nel 2017 entra nella Compagnia Finzi Pasca con la quale parte in tournée internazionale con gli spettacoli Nuda, Donka – Una lettera a Čechov, La Verità, Per te; partecipa inoltre alla produzione di Abrazos alla Feria di Leon (Messico 2019), all’opera Einstein on the Beach di Philip Glass al Grand Théâtre de Genève (Swiss 2019), allo show-installazione Luna Park (LAC - Lugano 2020) e all’opera Le Contes de Hoffmann con Staatsoper Hamburg (Germania 2021). Nel 2021 collabora come coreografa e ballerina al video clip Light di Chiara Dubey e come movement coach sviluppa un lavoro coreografico per attori nelle produzioni teatrali di Olocene e Il Fondo del Sacco dal Teatro Sociale Bellinzona.

Nasce nella compagnia dei Folli con la quale tutt'ora lavora in Italia ed Europa. Diplomatosi alla scuola di circo FLIC con specialità cinghie aeree, si forma con insegnanti e coreografi di fama internazionale (Elide Donaque, Roberto Magro, Sven Demey, per citarne alcuni). Partecipa come studente a tre edizioni del festival Deltebre Dansa, tiene workshop di tecnica e ricerca aerea dal 2012. Entra nella Compagnia Finzi Pasca nel 2014 nello spettacolo La Verità e partecipa alla creazione dell'ultima produzione Nuda. Dal 2020 è inoltre insegnante stabile di cinghie aeree presso la FLIC scuola di circo di Torino.

Beatriz Sayad è attrice, regista, autrice laureata all’Università di Lettere  PUC – Rio, in Brasile. A 18 anni incontra il Teatro Sunil (l’attuale Compagnia Finzi Pasca) in Svizzera, con cui collabora fino ad oggi. Nel 1995, partecipa come clown insieme ad Alessandra Fernandez, allo spettacolo 1337 - Déjeuner sur L’herbe, con la regia di Daniele Finzi Pasca. In  Brasile, lavora come clown negli ospedali con i Doutores da Alegria, e coordina altri progetti artistici all’interno del gruppo, come la regia dello spettacolo Inventário – Aquilo que seria esquecido se a gente não contasse. Frequenta in Francia la Scuola Internazionale di Teatro Jacques Lecoq. Per sei anni, collabora con la Cia Teatro Balagan, a São Paulo, come attrice/ricercatrice. In questa compagnia, ha partecipato come attrice degli spettacoli A Besta na Lua, di Richard Kalinoski, e Západ – a Tragédia do Poder, di Alexandre Toller, Newton Moreno e Luis Alberto Abreu, entrambi sotto la regia di Maria Thaís. Dal 2010 torna a collaborare con la Compagnia Finzi Pasca negli spettacoli Donka, una lettera a Čechov (2010), La Verità (2013) e Per Te (2016) in tournée per più di 20 paesi. Nel  2011, ha curato la regia e co-scritto, con l’attrice Dani Barros, lo spettacolo Estamira - Beira do Mundo. Nel 2019 partecipa sempre con la Compagnia Finzi Pasca, allo spettacolo Abrazos, per la Feria di León, in Messico, e l’opera Einstein on the Beach, di Phillip Glass, all’opera di Ginebra.
Parallelamente al tour nel 2011, ha scritto e diretto, insieme all’attrice Dani Barros, lo spettacolo Estamira - Beira do Mundo. Nel 2018 è co-regista per il monologo VOID, insieme al suo autore e attore Alvise Camozzi. Nel 2020 scrive e cura la regia, insieme a Inês Cardoso, del cortometraggio TEKHNIKÓS, un documentario sui tecnici teatrali nella pandemia. Nel 2021 è regista e attrice-mediatrice, con Juliana Jardim, dello spettacolo La Asemblea, del gruppo di teatro documentario canadese Porte Parole, presentato nell’ambito del progetto “Daqui para ondeVamos?” (Da qui, a dove andiamo?) prodotto dal Festival Brasile Scena Aperta. Ha tradotto in portoghese, tra gli altri, Il Teatro della Carezza, di Daniele Finzi Pasca (SESI); Cane morto nella lavanderia, di Angelica Liddell (COBOGÓ); e il testo dello spettacolo El sur de Europa, della compagnia spagnola La Tristura, per il Festival di Recife e diversi testi di Franco Bifo Berardi e Maurizio Lazzarato per la raccolta Pandemia, che l’editore N-1 lancia nel 2020. Attualmente è in tournée internazionale con gli spettacoli della Compagnia Finzi Pasca.

Rolando Tarquini è clown, drammaturgo, regista e attore teatrale italiano.
È nato a Bolzano il 18 novembre 1961. Vive a Piacenza ed è appassionato di ''nuovi media''. Si forma al metodo Lecoq, tra il 1988 e il 1990 alla Scuola di Teatro Arsenale di Milano, diretta da M.Spreafico e K.Ida. Tra il 1999 e il 2000 ha approfondito la formazione seguendo maestri contemporanei tra cui Dimitri, A.Marchetti, G.Ravazzi, G.Sansone, H.Malamud, D.Manfredini, G.Rossi, Y.Lebreton, E.Barba. Partecipa nel 1998 alla sessione I.S.T.A. (Scuola Internazionale di Antropologia Teatrale di Eugenio Barba) in Montemor-o-Novo, Portogallo. Nel 1985 fonda la compagnia Manicomics Teatro di cui è socio e co-direttore artistico insieme a Mauro Mozzani e con cui conduce attività di spettacoli, organizzazione e workshop. Per Manicomics è direttore del Festival Lultimaprovincia, cura la direzione artistica della stagione Rido Sogno e Volo e organizza la manifestazione-evento Stralunà, eventi di circo contemporaneo. Con Manicomics, dal 1985, produce e interpreta oltre 30 spettacoli e un gran numero di percorsi formativi e prende parte a festival in Italia e all'estero (Francia, Portogallo, Spagna, Olanda, Unione Sovietica, Polonia, Germania, Svizzera, Belgio, Argentina, Brasile, Israele, Algeria). L'attività di pedagogo teatrale accompagna il suo cammino sin dall'inizio. Nel 2000 inizia la collaborazione con Daniele Finzi Pasca con la produzione dello spettacolo Brutta Canaglia La Solitudine. Nel 2003 è uno dei vincitori del ''Premio Fersen'' per la promozione della drammaturgia italiana contemporanea. Dal 2009 collabora con la Compagnia Finzi Pasca per gli spettacoli della compagnia e per la disseminazione della metodologia “Il teatro della carezza” attraverso workshop e seminari. Dal  2010, è attore negli show Donka, una lettera a CheckovLa VeritàPer TeAbrazosEinstein on the Beach.

Originaria di Torino, a 6 anni si approccia alla ginnastica artistica, dove consegue ottimi risultati tra cui il titolo di campionessa regionale e atleta agonista nazionale. Il desiderio di evolvere nell'arte la porta a praticare la danza e frequentare corsi di teatro. Nel frattempo si laurea in Scienze Motorie e Sportive (SUISM) e affascinata dall'acrobatica aerea, dove danza e ginnastica si fondono insieme decide di entrare nel mondo del circo. Artista multidisciplinare, approda fin da subito nel mondo dello spettacolo esibendosi nei teatri più prestigiosi e prendendo parte a importanti eventi come la cerimonia di inaugurazione dello stadio olimpico di Kiev per gli Europei e a Rio de Janeiro per il calendario Pirelli. Partecipa a noti show televisivi tra cui Si può fare con la performance di mano a mano e Tu si que vales con il duo cyr wheel. Nel 2019 entra nella Compagnia Finzi Pasca con la quale parte a tournée internazionali con gli spettacoli Donka – Una lettera a ČechovLa Verità e Per Te; partecipa inoltre all'opera Einstein on the Beach (Svizzera, 2019) e con l'ultima produzione Nuda (Svizzera, 2021).

Nata a São Paulo (Brasile) è attrice e produttrice, giornalista e assistente alla regia. Ha studiato teatro sotto la direzione di Antunes Filho e Giornalismo (PUC - SP). Ha completato la sua formazione a New York, nel Lee Strasberg Institute. Ha studiato a Barcellona con José Sinisterra. Ha seguito stage a Lugano con il Teatro Sunil (attuale Compagnia Finzi Pasca). Ha un background in danza e tecniche del corpo. Ha insegnato espressione corporale e interpretazione teatrale. Ha prodotto e stata protagonista di spettacoli di grande successo come Camille et Rodin (6 anni in cartellone) e Isadora, diretta da Elias Andreato. Ha iniziato la sua carriera nel mondo della TV come protagonista della serie Mothern. Ha partecipato a varie serie di successo per GLOBO e per HBO. Per la sua interpretazione nel film Entre Vales, diretto da Philippe Barcinski, è stata premiata come miglior attrice nel SE Cinema Festival. Con la Compagnia Finzi Pasca, dal 2018, è stata nei seguenti spettacoli: NUDA, LUNA PARK, DONKA e EINSTEIN ON THE BEACH – in tournée in diversi paesi come Svizzera, Italia, Francia, Messico, Georgia, Polonia e Russia. È stata assistente alla regia di Daniele Finzi Pasca per l'Opera “Les contes d'Hoffmann” (Amburgo, Germania) e Fête des Vignerons (Vevey – Svizzera), dove ha anche preparato il cast principale.