martedì 20 dicembre

Teatro Foce
da 12.- a 25.- CHF

20:30

Scritto e diretto da Emanuele Aldrovandi, giovane pluripremiato drammaturgo emiliano, L’estinzione della razza umana è una sorta di esorcismo – catartico e liberatorio – che ci aiuta a metabolizzare il nostro presente con ironia, lucidità e un pizzico di grottesco surrealismo.

In un mondo incastrato dentro ritmi frenetici e disumani, che sottraggono tempo al pensiero e all’introspezione, l’arrivo di un virus che trasforma le persone in tacchini blocca e distorce ogni cosa. Così, le due coppie protagoniste della storia, persone comuni, portatrici ognuna di una diversa posizione filosofica della vita, si ritrovano nell’androne di un palazzo assalite da domande, frustrazioni e paure.
Utilizzando un linguaggio tragicomico, con dialoghi affilati e serrati, Aldrovandi, già ospite al LAC con Isabel Green e Farfalle nonché autore dell’adattamento de La bottega del caffè (produzione LAC), racconta la storia di cinque esseri umani nel periodo di passaggio all’età adulta, scavando dentro di loro senza pietà per trovare l’ultima cosa a cui si aggrappano, quando tutto sembra franare sotto ai loro piedi.

Un gioco di specchi continuo in cui il male esterno ne nasconde uno più intimo e interiore: ciascun individuo è chiuso nel proprio egoistico soddisfacimento dei bisogni, fattore che impedisce qualsiasi ascolto dell’altro. [...] Una regia delle parole motore dei corpi scenici. Un partire dal verbo, evocatore del conflitto, a cui i corpi si abbandonano. L’ironia è dunque misurata, ben contrapposta al dramma e allo scontro quasi selvaggio che si consuma, garantendo un efficace rimpallo delle posizioni e i giusti alleggerimenti emotivi, benché l’incedere sia sempre crescente verso un culmine esplosivo.
– Enrico Pastore, PAC PaneAcquaCulture

testo e regia
Emanuele Aldrovandi

con
Giusto Cucchiarini
Eleonora Giovanardi
Luca Mammoli
Silvia Valsesia
Riccardo Vicardi

con la partecipazione vocale di
Elio De Capitani

scene
Francesco Fassone

costumi
Costanza Maramotti

maschera
Alessandra Faienza

luci
Luca Serafini

consulenza progetto sonoro
GUP Alcaro

musiche
Riccardo Tesorini

progetto grafico
Lucia Catellani

aiuto regia
Giorgio Franchi

produzione
Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, Associazione teatrale Autori vivi

in collaborazione con
La Corte Ospitale - Centro di Residenza Emilia-Romagna