Evento passato

22 novembre 2022

Sala Teatro
da 15.- a 49.- CHF

20:30

23 novembre 2022

Sala Teatro
da 15.- a 49.- CHF

20:30

Il regista premio Ubu Fabio Condemi torna a incontrare Pier Paolo Pasolini - dopo Bestia da stile e Questo è il tempo in cui attendo la grazia - confrontandosi con Calderón, un dramma in versi che attraverso il sogno interroga disperatamente la realtà.

Scritto nel 1967 e pubblicato nel 1973, Calderón si ispira al capolavoro del grande tragediografo spagnolo seicentesco Pedro Calderón de la Barca, La vita è sogno. Ma l’atmosfera, la trama e il contesto sono radicalmente diversi: siamo nella Spagna franchista degli anni ’60, tra tumulti rivoluzionari e logiche di potere che non sembrano lasciare altro spazio di libertà che nel sogno. Quella di Pasolini è infatti una spietata e lucida radiografia del potere, del suo modo di rinnovarsi e restare antichissimo, dei suoi mutamenti e delle sue strategie. Un testo labirintico in cui coesistono molteplici piani e tracce in un continuo e ricchissimo gioco di incastri: il teatro di Bertold Brecht nella rilettura di Roland Barthes; la pittura di Diego Velázquez e le idee sulla rappresentazione e sul rapporto tra teatro e spettatori esposte nel Manifesto per un nuovo teatro; la polemica contro “i competenti della nuova epoca che sta cominciando, […] che sono così informati sul presente e sulle possibilità del futuro, che ritengono decrepite le esperienze fatte lo scorso anno: e non parliamo poi del linguaggio che le esprime!”. A fare da fonte drammaturgica i dialoghi platonici, mentre la psicanalisi freudiana e gli studi teologici sul corpo accompagnano e arricchiscono l’indagine sul sogno, inteso sia come prigione sia come utopia.
Un lavoro intenso, in cui gli spettatori sono chiamati a interrogarsi profondamente su cosa significa essere nella storia, con i nostri corpi, le nostre opere, i nostri sogni.

Lo spettacolo è la prima tappa del progetto di Emilia Romagna Teatro ERT /  Teatro Nazionale Come devi immaginarmi dedicato a Pier Paolo Pasolini, ideato dal regista e direttore di ERT Valter Malosti insieme al critico d’arte, scrittore e accademico Giovanni Agosti, che si inscrive nelle celebrazioni per il centenario della nascita dell’autore (Bologna, 1922).

Fabio Condemi (1988) è una delle figure più apprezzate nella nuova generazione di registi italiani; nel 2021 gli viene assegnato il prestigioso Premio Ubu alla miglior regia per lo spettacolo La filosofia nel boudoir del Marchese de Sade.
Per il progetto digitale del LAC Lingua Madre. Capsule per il futuro firma la regia di Analisi Logica dal testo di Riccardo Favaro, lavoro selezionato all’Incontro del Teatro Svizzero 2022.

Leggi di più

di
Pier Paolo Pasolini

regia, ideazione scene e costumi
Fabio Condemi

con (in ordine alfabetico)
Valentina Banci
Matilde Bernardi
Marco Cavalcoli
Michele Di Mauro
Carolina Ellero
Nico Guerzoni
Omar Madé
Caterina Meschini
Elena Rivoltini
Giulia Salvarani
Emanuele Valenti

scene, drammaturgia dell'immagine
Fabio Cherstich

costumi
Gianluca Sbicca

luci
Marco Giusti

disegno del suono
Alberto Tranchida

assistente alla regia
Angelica Azzellini

scene costruite presso il
Laboratorio di Scenotecnica di ERT

responsabile del Laboratorio e capo costruttore
Gioacchino Gramolini

costruttori
Tiziano Barone
Davide Lago
Sergio Puzzo
Veronica Sbrancia
Leandro Spadola

scenografe decoratrici
Ludovica Sitti
con
Sarah Menichini
Benedetta Monetti
Bianca Passanti
Martina Perrone

costruzioni in ferro realizzate da
Falegnameria Scheggia

assistente alla progettazione scenografica
Greta Maria Cosenza

costumi realizzati presso il
Laboratorio di Sartoria del Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

direttore tecnico
Massimo Gianaroli

direttrice di scena
Rebecca Quintavalle

capo macchinista
Gianluca Bolla

macchinisti
Eugenia Carro
Davide Lago

attrezzista
Benedetta Monetti

capo elettricista
Giuseppe Tomasi

fonico
Alberto Tranchida

sarta
Elena Dal Pozzo

foto di scena
Luca Del Pia

documentazione video
Lucio Fiorentino

produzione
Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, LAC Lugano Arte e Cultura

in collaborazione con
Associazione Santacristina Centro Teatrale

si ringrazia
Acondroplasia Insieme per crescere Onlus

riproduzione del quadro
Las Meninas di Diego Velázquez
dall’Archivio fotografico del Museo Nazionale del Prado

Lo spettacolo è realizzato all'interno del Progetto internazionale “Prospero Extended Theatre”, grazie al supporto del programma “Europa Creativa” dell'Unione Europea.

Trailer

Foto di scena