• Certificato COVID
    (> 16 anni)
  • Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

Orchestra della Svizzera italiana

Ideazione e regia di Fabrizio Rosso

Direttori Rosina Flückiger, Antonio Planelles Gallega, Arseniy Shkaptsov

Musiche di Carmen Nunez, Lenos Lenophyllum e Paul Taro Schmidt

Un concerto itinerante per scoprire il LAC e la musica classica, lasciandosi sorprendere dall’incontro inaspettato di suoni, ritmi, melodie e luci

La Valle dei Mulini è una fiaba della scrittrice argentina Noelia Blanco, illustrata dalla connazionale Valeria Docampo. La storia tratta del rapporto, a volte difficile, tra gli uomini e le macchine. La fiaba è narrata in cinque scene, le quali saranno allestite in altrettanti ambienti del LAC. Nella messa in scena, danzatori e attori si affiancano ai musicisti dell'Orchestra della Svizzera italiana e del Conservatorio.

Le musiche eseguite dall'OSI sono state commissionate a tre giovani compositori svizzeri: Lenos Lenophyllum, Paul Taro Schmidt e Carmen Nunez.

"Nella Valle dei Mulini abitano uomini, donne e ragazzi come tanti. Un giorno arrivano nel villaggio le Macchine Perfette: basta premere un bottone per avere un dolce delizioso, una giornata splendida, un amico fantastico. Il mondo è talmente perfetto che tutti smettono di sognare, i desideri non servono più, si ferma il vento e i mulini si addormentano. Anna, la piccola sarta protagonista del racconto, e l'Uomo-Uccello, che senza brezza non può più volare, però non si arrendono: vogliono continuare a coltivare i proprio sogni. Grazie a loro, gli abitanti della Valle dei Mulini alla fine si risveglieranno dal torpore in cui le macchine li avevano gettati", Terre di Mezzo Editore, 2015