Parzialmente basato sulla storia vera di Giovanni Cafaro, un milanese che aveva perso il suo lavoro e si è inventato il lavoro del ‘codista’, uno che si mette in coda per altre persone a pagamento, l’attrice Marleen Scholten costruisce un nuovo testo sul tema dell’attesa.

Marleen Scholten, attrice, autrice e regista del collettivo olandese Wunderbaum.
Qui in un solo dal titolo La codista.
Parzialmente basato sulla storia vera di Giovanni Cafaro, in milanese che aveva perso il so lavoro e si è inventato il lavoro di "codista", uno che si mette in coda per altre persone a pagamento, verrà presenta al FIT in anteprima assoluta. Uno spettacolo sul tema dell'attesa. Rallentare, fermarsi, attendere, temi quanto mai attuali. In tempi governati dall'ipervelocità e dalla paura di perdersi qualcosa se non si è sempre attivi, cosa succede quando si deve aspettare, mettersi in coda?
Una riflessione comica, politica, assurda, ma trasparente sul tema dell'identità.