Ispirandosi alla storica comunità di artisti del Monte Verità e mettendosi in relazione con l’attuale emergenza pandemica globale, la danzatrice e coreografa di origine americana Annie Hanauer riflette sulle idee storiche e contemporanee di utopia, facendolo in qualità di donna e di artista con disabilità. Il suo intento è di guardare all’utopia dal punto di vista del corpo, entrando fisicamente in relazione con gli artisti con cui collabora e dando vita ad un’esperienza viscerale per il pubblico.

Immagino una performance che possa essere allo stesso tempo potente, intensa e disordinata, ma anche edificante e invitante. Insieme a due danzatori e una musicista cercherò la proprietà del corpo, il piacere e il potere, e le idee di ‘natura’ e ‘naturalezza’, in relazione all’utopia e al corpo con disabilità. 
- Annie Hanauer

coreografia e ideazione
Annie Hanauer

dramaturg
Silja Gruner 

interpreti
Annie Hanauer
Laila White
Giuseppe Comuniello

composizione e musica dal vivo
Deborah Lennie

costumi
Valentina Golfieri 

disegno luci
Marzio Picchetti 

audiodescrizione
Camilla Guarino 

assistente
coreografa Susanna Recchia

produzione
LAC Lugano Arte e Cultura
Teatro Danzabile

in coproduzione con
IntegrART - un progetto di rete del Percento culturale Migros 

una coproduzione nell’ambito del
fondo programmatori di Reso - Rete Danza Svizzera

sostenuto da
Pro Helvetia - Fondazione svizzera per la cultura 

con il sostegno di
Fondazione Lugano per il Polo Culturale
Manitou Foundation
Spazio PLIM - creazioni

in collaborazione con
Franklin University