• Test covid disponibile al LAC
  • Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

Julia Fischer, violino
Yulianna Avdeeva, pianoforte

Wolfgang Amadeus Mozart
Sonata per violino e pianoforte n. 33 in mi bemolle maggiore, K 481

George Enescu
Sonata per violino e pianoforte n. 2 in fa minore, op. 6

Robert Schumann                             
Sonata per violino e pianoforte n. 1 in la minore, op. 105

Maurice Ravel
Tzigane, rapsodia da concerto per violino e pianoforte


(senza intervallo)

La critica internazionale riconosce alla violinista tedesca Julia Fischer un talento consacrato dal successo che riscuote in esecuzioni dal vivo e nelle incisioni oltre che dai numerosi riconoscimenti, tra cui l’essere stata nominata la più giovane Artist of the Year nel 2007 dalla rivista Gramophone e “Instrumentalist of the Year” al Midem Classical Awards del 2009. Acclamata per le sue interpretazioni originali ed illuminanti del repertorio classico, Julia Fischer è anche apprezzata per la sua tecnica straordinaria. Il Financial Times ha scritto “Ha una tecnica incredibile e le note non sono fine a se stesse ma un modo per esprimere la verità della musica”.
Per il suo ritorno a Lugano, Julia sceglie un programma che unisce l’equilibrio dello stile mozartiano alla maestria tecnica della scrittura di Enescu, il compositore rumeno cardine tra la tradizione tedesca e quella francese che non a caso la violinista accosta alla splendida Tzigane di Maure Ravel.

L’accompagna la pianista russa Yulianna Avdeeva, classe 1985. Descritta dal Financial Times come un'artista “capace di lasciar respirare la musica”, è stata vincitrice, nell’edizione del 2010, del prestigioso concorso Chopin di Varsavia, quarta donna a salire il gradino più alto della competizione che fu di Martha Argerich nel 1965.