venerdì 30 settembre

Teatrostudio
da 12.- a 25.- CHF

19:00

sabato 01 ottobre

Teatrostudio
da 12.- a 25.- CHF

19:00

Collettivo Treppenwitz, una delle realtà più innovative e promettenti della scena teatrale indipendente ticinese, porta in scena il terzo capitolo della propria ricerca sull’amore inteso come motore delle/ nelle relazioni umane, dopo L’amore ist nicht une chose for everybody di Simon Waldvogel e KISS! (Loving Kills) di Camilla Parini.

Fin da bambina, Anahì ha sempre giocato con lo specchio cercando nel proprio riflesso un altro da sé. Un esercizio che racconta un allenamento alla trasformazione del proprio io in un ipotetico incontro con l’altro, alla scoperta del desiderio e delle varie declinazioni dell’amore. Un esercizio che fanno tutti gli esseri umani. Per alcuni è una pratica consapevole e dichiarata, per altri solo immaginata in un gioco di analogie e suggestioni rubate a mitologie esistenti o inventate. Ma nella complessità di una relazione reale c’è una dinamica di potere in cui i ruoli sono impari anche se intercambiabili, non si tratta di una questione di genere, ma di un inevitabile rapporto di forza che si nutre della proiezione sull’altro di ciò che desideriamo.
Non è soprattutto l’altro da noi che può darci accesso all’esistenza?
L’altro, ma soprattutto l’amore che a lui ci lega, qualsiasi esso sia, ha un potere trasformativo tale da farci perdere i confini. E anche quando fugge, nella sua impetuosità lascia in noi una trasformazione.
Una trasformazione che nelle Metamorfosi di Ovidio diventa una nuova possibilità, un altro inizio, una fuga da una situazione che non permetterebbe alcuna evoluzione, un finale diverso da quello che ci aspetteremmo.

ideazione e regia
Anahì Traversi

con
Anahì Traversi
Simon Waldvogel

dramaturg
Francesca Garolla

scene e costumi
Marianna Peruzzo

light designer
Marzio Picchetti

musiche e sound designer
Alberto Barberis

assistente alla regia
Camilla Parini

produzione
Collettivo Treppenwitz

in coproduzione con
LAC Lugano Arte e Cultura, Südpol Luzern, FIT Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea

con il sostegno di
DECS Repubblica e Cantone Ticino – Fondo Swisslos, Pro Helvetia – Fondazione svizzera per la cultura, Città di Lugano, Fondazione Claudia Lombardi per il Teatro