Calendario e informazioni >
X Chiudi

Sabato
26 ottobre
11:00


26–.

Hall

PiazzaParola

L'ORRENDA PROGENIE / FOCUS SCHWEIZ, SUISSE, SVIZRA / LA BELLEZZA SALVERÀ IL MONDO?

Piazza Parola

L'ORRENDA PROGENIE
Lady Frankenstein

ore 11:00 
LAC, Hall

Anna Maria Crispino, Silvia Neonato
Lady Frankenstein e l’orrenda progenie
dialogano con
Matteo Martelli

Le vicende biografiche e l’ambiente culturale influenzarono profondamente la produzione letteraria di Mary Shelley. Silvia Neonato e Anna Maria Crispino ci accompagnano in un intrigante percorso di ricognizione, una sorta di foto di gruppo con signora, alla scoperta della giovane aristocratica inglese che anticipò le nostre paure. Un affascinante viaggio all’interno di un mondo molto particolare, quello del romanticismo radicale e del proto-femminismo britannico di inizio Ottocento.

Viaggi, incontri, amore, amicizia, letture, letteratura, ma anche ripetuti lutti furono al centro della vita di Lady Frankenstein. All’origine di quella che l’autrice stessa definì la sua “hideous progeny” troviamo una straordinaria e inquietante consonanza tra vita e letteratura, da cui è scaturito il romanzo che ha cambiato l’immaginario occidentale, conferendo un volto inconfondibile alle nostre paure più profonde.


FOCUS SCHWEIZ, SUISSE, SVIZRA
Potenza creatrice e limiti della scienza

ore 14:30 
LAC, Hall

Isabel Flükiger Retour dans l’est dialoga conAnna Pianezzola

ore 16:00
LAC, Hall

Zsuzsanna Gahse Siebenundsiebzig Geschwister dialoga conNatascha Fioretti

Il romanzo di Mary Shelley e l’idea di dare vita a un mostro per mano di uno scienziato sono stati fortemente influenzati dalle esperienze in parte tragiche della giovane autrice. Mary Shelley non conobbe mai sua madre, la filosofa e scrittrice britannica Mary Wollestonecraft, fondatrice del femminismo liberale, che morì il 10 settembre 1797 dandola alla luce. Per l’autrice la maternità fu un’esperienza drammatica e luttuosa: vide morire prematuramente tre dei suoi figli ancora bambini. Con Isabel Flükiger e Zsuzsanna Gahse (Gran Premio svizzero di letteratura 2019), autrici dei romanzi Retour dans l’est e, rispettivamente, Siebenundsiebzig Geschwister, parleremo del rapporto madre figlia, del mistero e della potenza dell’atto creativo e dei limiti della scienza moderna.


LA BELLEZZA SALVERÀ IL MONDO?
Al di là dell'orrore

ore 17:30 
LAC, Hall

La vita e il pensiero filosofico di Etty Hillesum, morta a 29 anni
nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1943.

Maria Giuseppina Scanziani ci racconta la vicenda di questa giovane donna, intelligente, forte e passionale – nonostante le sue umanissime fragilità di donna, di ebrea e di individuo in itinere. Una pensatrice di grande profondità e intensa spiritualità, capace di osservare con lucidità il male e l’orrido che c’è in noi, senza mai perdere la luminosità che le era propria. Etty e la sua fiducia nella bellezza e nell’umanità dell’uomo, il suo amore per la vita e per tutto il bello che la vita ci offre, sempre e ovunque. «Ma cosa credete? Credete che io non veda il filo spinato, non veda il dominio della morte? Li vedo. Ma vedo anche uno spicchio di cielo. E in questo spicchio di cielo, che ho nel cuore, io vedo la libertà e la bellezza».

Maria Giuseppina Scanziani Dal fango al gelsomino. Il percorso di Etty Hillesum verso la bellezza.

email facebook twitter google+ linkedin pinterest