Martedì
18 febbraio

20:30

LDurata1h 15' senza intervallo

Teatro FOCE

K. S. Stanislavskij

di e con
Egidia Bruno

musiche composte ed eseguite da
Vladimir Denissenkov

luci
Vincenzo Vecchione

voci registrate
Davide Enea Casarin, Alessandro Rivola

produzione
Spazio Teatro No’hma, Milano

 

rassegna in collaborazione con

Ne Veryu – Non ci credo

K. S. Stanislavskij

FOCEMAT

Tickets

Una narrazione teatrale sulla “verità dell’attore”, sulla “verità a teatro”, su quello che fu, il fondamentale obiettivo, il solo cruccio, l’unica preoccupazione, fissazione, ossessione di Kostantin Sergèevic Stanislavskij.

Ne veryu - Non ci credo -era la celebre frase con cui Konstantin Sergèevic Stanislavskij incalzava i suoi attori spingendoli alla ricerca della verità del personaggio in scena, ossessione e utopia di tutta la sua ricerca. E proprio Ne veryu si intitola lo spettacolo scritto e interpretato da Egidia Bruno, che rende omaggio al grande maestro russo, al suo leggendario metodo e alla sua radicale rivoluzione teatrale.
Per la storia del teatro Stanislavskij può essere considerato il creatore del primo metodo per attori. Ogni teatrante, che sia un attore, un regista, un autore o anche uno studioso di teatro, a un certo punto del suo percorso, ha la necessità di confrontarsi con Il lavorodell’attore di Stanislavkij: il testo sacro, il manuale del “sistema” o method come lo chiamano in America all’Actors Studio di New York.
Sul palco, Egidia Bruno, intensa protagonista della drammaturgia degli ultimi anni, rilegge in chiave contemporanea, tra flashback, musica e ironia, la vita artistica del grande maestro. La accompagna, Vladimir Denissenkov, musicista che ha collaborato, tra gli altri, con Moni Ovadia, Fabrizio De Andrè e Ludovico Einaudi, compositore e virtuoso del Bajan, la fisarmonica russa.

Parlare di Stanislavskij nasce non solo dal bisogno di ricordare un grande maestro, ma ciò che il suo esempio può rappresentare in termini di serietà, studio, ricerca, perseveranza, di un’etica che trascende l’ambito artistico. (Egidia Bruno)