Il Festival letterario PiazzaParola giunge alla sua decima edizione e, per la terza volta, il LAC ne sarà il palcoscenico.

Un duplice obiettivo nutre il Festival letterario sin dalla sua nascita: da un lato la voglia di riavvicinare il pubblico ai classici e, dall’altro, quello di promuovere la conoscenza della letteratura svizzera nelle sue quattro forme o, per meglio dire, lingue.
Se, di anno in anno, i temi e gli autori variano, il fil rouge che li unisce è rappresentato da un’opera o da un personaggio nati dalla penna di un grande autore classico messi in relazione ad autori contemporanei e temi d'attualità che si intersecano con i grandi filoni presenti nei testi. 

In un breve excursus temporale, la prima stagione ospitata dal LAC (2018-2019) aveva visto Madame Bovary (Emma Bovary e le altre - Le donne che leggono sono pericolose) come protagonista, seguita, nella stagione 2019-2020, dall'incredibile figura di Frankenstein (Meravigliosa creatura - Frankenstein 201 anni dopo). E, se come scriveva Emily Dickinson, "Nessun vascello c'è che, come un libro, possa portrarci in contrade lontane", il viaggio della decima edizione, che si svolgerà dal 20 al 24 ottobre 2021, ci porterà alla scoperta del Robinson Crusoe di Daniel Defoe.

Gli incontri letterari saranno accompagnati e inframezzati da eventi collaterali quali letture. Seguiranno maggiori dettagli e il programma. 

PiazzaParola è una manifestazione fondata dalla Società Dante Alighieri della Svizzera italiana e curata da Yvonne Pesenti Salazar e Natascha Fioretti con il duplice obiettivo di promuovere la lettura attraverso l’incontro con scrittori, poeti e saggisti, e di contribuire alla conoscenza e alla diffusione delle quattro letterature svizzere. La vocazione del festival supera però i confini nazionali, grazie al partenariato con Parolario, la kermesse dedicata ai libri che si tiene ogni anno a Como.

Dopo aver esplorato le opere di giganti del passato quali Omero, Dante, Boccaccio e Ovidio, PiazzaParola ha avviato dal 2016 un ciclo di riscoperta dei classici, ponendo al centro della manifestazione alcuni personaggi archetipici della letteratura, divenuti miti fondanti della cultura occidentale. Il 2016 è stato l’anno di Don Chisciotte, il 2017 quello del dissoluto Don Giovanni. Dopo Madame Bovary, magnetica e inquieta protagonista femminile dell’edizione 2018, la serie è proseguita nel 2019 con Frankenstein.