Mercoledì
17 giugno
20:30


17–24.06

Date e orari
17.06, 20:30
19.06, 20:30
21.06, 20:30
24.06, 20:30

Sala Teatro

melodramma in tre atti
libretto
Francesco Maria Piave
dal dramma "La dame aux camélias" di Alexandre Dumas figlio
direttore Markus Poschner 
regia e luci Henning Brockhaus 
scene Josef Svoboda 
costumi Giancarlo Colis 
coreografie Valentina Escobar 

Myrtó Papatanasiu Violetta Valéry
Airam Hernández Alfredo Germont
Giovanni Meoni Giorgio Germont
Sofia Tumanyan Flora Bervoix
Michela Petrino Annina
Lorenzo Izzo Gastone, Visconte di Létorières
Davide Fersini Il barone Douphol
Laurence Edgar Il marchese d’Obigny
Alessandro Spina Il dottor Grenvil

Orchestra della Svizzera italiana
Coro della Radiotelevisione svizzera
LAC Lugano Arte e Cultura, Orchestra della Svizzera italiana
in collaborazione con LuganoMusica
presentano una produzione dell’Associazione Arena Sferisterio – Macerata Opera Festival e della Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi

con sovratitoli in italiano

Si ringraziano la Den Danske Forskningsfond, Manfred Tuerks de Winkel, Drs. ir. Robert Kwik, la Fondazione Lugano per il Polo Culturale e la Repubblica e Cantone Ticino – Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport per il sostegno alla produzione.

Foto Stefano Binci

video

ANNULLATO - Giuseppe Verdi – La traviata

 

LAC Factory

EVENTO ANNULLATO
I biglietti sono rimborsati tramite voucher valido due anni dalla data di emissione. Potete ottenere il vostro rimborso completando il modulo al seguente link luganolac.ch/it/2036/formulario



Dopo il successo de Il Barbiere di Siviglia l’opera lirica torna al LAC. Dal 17 al 24 giugno il centro culturale propone quattro repliche de "La traviata" di Giuseppe Verdi in un allestimento la cui fama è ormai leggenda: concepita nel 1992 allo Sferisterio di Macerata e rappresentata in tutto il mondo, l’opera che vedremo a Lugano si avvale della regia di Henning Brockhaus, delle scene di Josef Svoboda, ed è qui diretta dal Maestro Markus Poschner alla testa dell’Orchestra della Svizzera italiana, del Coro della radiotelevisione svizzera e di un cast di interpreti eccellenti come Myrtó Papatanasiu, Airam Hernández e Giovanni Meoni.

Lo spettacolo, internazionalmente noto come "La traviata degli specchi", indaga il sottile confine tra la natura intima e delicata di Violetta e la sua immagine pubblica per mezzo di uno specchio gigante. Questa soluzione scenica creata da Svoboda, grande scenografo e rivoluzionario del teatro, riflette ciò che accade sul palcoscenico, moltiplicando i punti di vista, amplificando le scene e invitando il pubblico a scrutare le vicende di Violetta e Alfredo, fino a divenirne parte. 

Il Maestro Poschner in questa occasione guida l’OSI nell’interpretazione del capolavoro verdiano, facendone rivivere l'incredibile radicalità e modernità.