Calendario e informazioni >
X Chiudi

Venerdì
9 marzo
19:00


9.3–11.06

Date e orari
19:0017.04.2018
19:0018.05.2018
19:0011.06.2018

Teatrostudio

Tariffa Fr. 15.-, posto non numerato.
Entrata gratuita per gli abbonati a LuganoMusica, i soci di OGGIMUSICA.e i detentori del concerto della serata

Early Night Modern

 

LuganoMusica

Tickets

Per le prime due stagioni di LuganoMusica si è verificata una sotterranea infiltrazione – curiosa, stimolante, inventiva – di istanze contemporanee attorno ad alcuni dei più affascinanti programmi classici della Sala Teatro. Con nuova veste e collocazione oraria ritorna Early Night Modern, la serie di sei concerti che rilegge e trasporta al centro del presente i grandi autori della storia della musica.



Venerdì 09.03.18
ore 19.00

Sibelius Reloaded
Dopo due decenni di successi internazionali il più celebre quartetto di sassofoni svizzero ha deciso – per il 2018 – di compiere una mezza rivoluzione: passare all’elettronica. È con queste nuove sonorità che l’ARTE Quartett si presenta a Lugano, proponendo opere scritte apposta da Kaj Duncan David, Philippe Leroux e Wolfgang Heiniger. Che pure ha preparato una trascrizione microtonale da Jean Sibelius.
ARTE Quartett: Beat Hofstetter, Sascha Armbruster,
Andrea Formenti e Beat Kappeler, EWI (Electronic Wind Instrument)



Martedì 17.04.18
ore 19.00

Mozart Reloaded
Una delle mode più curiose – nella scrittura musicale dei secoli scorsi, e del Settecento in particolare – fu quella delle turcherie, cioè della ricerca di effetti che dessero l’impressione di ascoltare una musica mediorientale, quasi esotica. Mozart produsse in questo senso alcuni degli esiti più celebri, e il Quartetto Borromini vuole tornare sul luogo del misfatto in compagnia di uno dei più validi investigatori: il musicista turco Taylan Arikan.
Quartetto Borromini, quartetto d’archi / Taylan Arikan, baglama e voce



Venerdì 18.05.18
ore 19.00

Stravinskij Reloaded
La giovane musicista turca Ipek Gorgun – attenta sperimentatrice dell’ambito elettronico, in un ampio senso che va dal compositore al deejay – si pone in ascolto dell’Uccello di Fuoco di Igor’ Stravinskij. Il risultato che scaturisce dalla sua manipolazione è un libero rework, dove lo stile attraversa il tempo in un significativo cortocircuito percettivo.
Ipek Gorgun, elettronica



Lunedì 11.06.18
ore 19.00

Strauss Reloaded
Mettere a confronto – sia per affinità sia per contrasto – musiche cronologicamente molto remote, ma a volte sorprendentemente vicine: è questa la sfida raccolta dalle due voci di Dominique Vellard e Giacomo Schiavo assieme ai due sassofoni di Pierre-Stéphane Meugé e Marcus Weiss. Un progetto musicale trasversale dal medioevo al nostro presente, e un ruolo del tutto particolare riservato a Richard Strauss.
Dominique Vellard e Giacomo Schiavo, voci / Pierre-Stéphane Meugé e Marcus Weiss, sassofoni



EARLY NIGHT MODERN

Per alcuni è soltanto un piacere, per altri un irrinunciabile dovere.

L’ascolto delle musiche a noi contemporanee, di quelle che direttamente discendono dalla grande tradizione classica, è un’abitudine – ma anche un’attitudine – che può assumere caratteri anche molto diversi.

Il punto di partenza, per tutti, è quello per cui anche Mozart, Beethoven e Chopin sono stati dei “contemporanei”, cioè degli autori che operavano nel proprio tempo, spesso in dialettica con ciò che era stato fatto prima o che stava succedendo attorno a loro. Addirittura è capitato – e la storia della musica è piena di fraintendimenti clamorosi – che alcuni autori poi reputati geni indiscutibili (o alcune loro opere oggi acclamate come capolavori) venissero criticati e disprezzati nella loro contemporaneità.

Per evitare di cadere in simili atteggiamenti imperdonabili, ma anzi per dare un fattivo impulso alla creazione di nuova musica e nuova cultura, sin dalla prima stagione LuganoMusica ha stretto una puntuale collaborazione con l’associazione Oggimusica, la prima e più antica realtà a occuparsi di musiche nuove nella Svizzera italiana.

L’idea è stata quella di un dialogo tra il classico e l’attuale, per cui Oggimusica ha elaborato dei programmi che andassero a intercettare degli stimoli (autori, opere, temi, strumentazioni,…) presenti in alcuni dei concerti nella Sala Teatro, offrendoli come materiali di ulteriore creatività a compositori e interpreti del giorno d’oggi.

Se per la prima stagione questa ri-elaborazione – puntualmente definita reload – avveniva in coda al concerto “classico”, nel cartellone 2017/18 il momento contemporaneo si sposterà in apertura di serata.

Sotto la denominazione Early Night Modern si potranno così ascoltare dei concerti originali e inediti modulati attorno alle opere di Dmitrij Šostakovič, Sergej Prokof’ev, Jean Sibelius, Wolfgang Amadeus Mozart, Igor’ Stravinskij e Richard Strauss.

E a dichiarare lo stretto legame con la nostra attualità sono – prima di tutto – gli strumenti utilizzati: percussioni di pietra, Fender Rhodes, sassofono, EWI (Electronic Wind Instrument) e computer; ma anche strumenti etnici come il baglama turco.

Si preannunciano sorprese per chi ama la musica classica, per chi adora l’attualità e per chi – molto semplicemente – affronta con curiosità ogni aspetto della vita, non solo culturale.

LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
email facebook twitter google+ linkedin pinterest