Gli eventi al LAC durante il Coronavirus

Il LAC si impegna affinché gli eventi possano svolgersi in sicurezza e rispettando le indicazioni stabilite dal proprio piano di protezione nel rispetto dell’Ordinanza sui provvedimenti per combattere l’epidemia di COVID-19 nella situazione particolare (Ordinanza COVID-19 situazione particolare).

Gli eventi sotto le 30 persone possono svolgersi senza ceritficato covid (l’organizzatore deve tenere una lista dei nomi dei presenti)

L’accesso alla Hall e al Bookshop è consentito senza il covid pass ma sempre con mascherina obbligatoria


Per gli eventi privati sopra le 30 persone l'organizzatore può:

  • garantire che tutti i suoi ospiti /staff sono testati firmando una clausola apposita del contratto
  • chiedere al LAC di effettuare i controlli dei certificati covid dei propri ospiti. Il LAC predispone il personale per effettuare i controlli e fattura il costo vivo. Durante questa fase è richiesta la presenza di un membro dell’organizzazione insieme allo staff LAC.
  • chiedere il servizio tamponi al LAC per i propri ospiti. Il LAC fattura un costo orario per la presenza del farmacista più il costo dei tamponi se richiesto (fino al 30 settembre i cittadini svizzeri non pagano il test rapido presentando il tesserino della cassa malati).


Per eventi privati in Teatro:
Il promoter è responsabile di testare i propri musicisti/artisti/tecnici

Ospiti provenienti dall’Unione Europea (UE), dell'area Schengen e dell'area EFTA
Il certificato vaccinale è riconosciuto come valido in Svizzera.


Ospiti provenienti da Paesi terzi (fuori dall'UE/Schengen/EFTA)
I certificati che fanno riferimento a un vaccino approvato dall'EMA (Pfizer, Moderna, Janssen/Johnson&Johnson, AstraZeneca e tutte le licenze quali Covishield, etc.) saranno considerati validi in Svizzera fino al 10 ottobre 2021 (soluzione transitoria). Questi ultimi non necessitano di essere convertiti in un certificato Covid svizzero.


Entrata in Svizzera
Chi non è vaccinato o non è guarito e non proviene da una regione di confine dovrà presentare un test negativo (antigenico o PCR) all’entrata in Svizzera, indipendentemente dal Paese da cui proviene e dal mezzo di trasporto usato. Tra il quarto e il settimo giorno dopo l’arrivo in Svizzera dovrà sottoporsi a un secondo test. Questo test sarà a pagamento e il suo risultato dovrà essere trasmesso al servizio cantonale competente.


Test Sars-Covid in Svizzera
I test sono gratuiti, fino al 30 settembre, non solo per i residenti ma anche per i turisti (uno a settimana). Le farmacie e i medici sono dunque tenuti ad offrire test gratuiti per i visitatori, ma è bene accertarsi, con una telefonata, che il centro scelto sia informato. (La lista delle farmacie è consultabile qui; la lista dei medici è consultabile qui).