Calendario e informazioni >
X Chiudi

Sala Teatro

Alessandro Nidi al pianoforte

con un quintetto d’archi creato appositamente per la rappresentazione nella Sala Teatro LAC

in collaborazione con "Aspettando Poestate"

Cat. prezzo H

Il nostro Enzo: ricordando Jannacci

con Moni Ovadia

LuganoInScenaMusica

In esclusiva ed in prima esecuzione assoluta per la rappresentazione nella nuova Sala Teatro di Lugano, Moni Ovadia e Alessandro Nidi saranno accompagnati da un quintetto d’archi composto da due violini, una viola, un violoncello e un contrabbasso, in un personalissimo e sentito omaggio al grande Enzo Jannacci.

“Come si fa a cadere nel pessimismo quando c’è la musica? ”, diceva Enzo Jannacci, cantautore, cabarettista e attore – ma anche cardiochirurgo – tra i maggiori protagonisti della scena musicale italiana del dopoguerra. Fin dagli anni ‘50 ha lavorato insieme agli amici Dario Fo e Giorgio Gaber, passando dalla canzone dialettale al rock e al jazz, fornendo l’ispirazione anche a personaggi come Renato Pozzetto, Diego Abatantuono e Massimo Boldi.

Tra i suoi brani più noti: “Vengo anch’io. No tu no”, “El portava i scarp del tennis”, “Ho visto un re”, “Quelli che…”, La vita l’è bela”. Alcune di queste canzoni, diventate oramai dei classici, sono reinterpretate da Moni Ovadia – anch’egli artista versatile e curioso sperimentatore che si è affermato nel teatro musicale dimostrando una sua personale ricerca espressiva – che le propone in un’inedita quanto fascinosa veste.

email facebook twitter google+ linkedin pinterest