Calendario e informazioni >
X Chiudi

Sala Teatro

LuganoInScena 2015/2016


In collaborazione con 
Hotel de la Paix

Compagnia Virgilio Sieni

La mer + La sagra della primavera

LuganoInScenaDanza

Danza contemporanea e grande Musica insieme in un’unica serata: l’Orchestra della Svizzera italiana, diretta da Yannis Pouspourikas, accompagnerà dal vivo i danzatori della Compagnia Virgilio Sieni in due magnifiche coreografie.

La mer

regia e coreografia di Virgilio Sieni
musica Claude Debussy
interpreti Compagnia Virgilio Sieni
una produzione in esclusiva LuganoInScena 

Prima Internazionale

La sagra della primavera

regia e coreografia di Virgilio Sieni
musica Igor Stravinskij
interpreti Jari Boldrini, Ramona Caia, Claudia Caldarano, Nicola Cisternino, Patscharaporn Distakul, Maurizio Giunti, Giulia Mureddu, Giulio Petrucci, Rafal Pierzynski, Vittoria Sapetto De Ferrari, Sara Sguotti e Davide Valrosso
luci Fabio Sajiz e Virgilio Sieni
costumi Giulia Bonaldi e Virgilio Sieni
produzione Teatro Comunale di Bologna e Compagnia Virgilio Sieni con Emilia Romagna Teatro

Musiche eseguite dal vivo dall’OSI – Orchestra della Svizzera italiana, diretta da Yannis Pouspourikas, per la prima volta nella buca d’orchestra della nuova Sala Teatro. 

Il coreografo e danzatore Virgilio Sieni, dal 2013 direttore della Biennale di Venezia Settore Danza, creerà appositamente per LuganoInScena una nuova produzione sulla musica de “La mer” di Claude Debussy: una prima assoluta da non perdere.

La seconda coreografia è stata creata sulla musica di Igor Stravinskij con l’intento di iniziare un cammino nella frammentazione e nella composizione del corpo coreografico, per intravedere il luogo che si presenta al rito nell’oggi del corpo. Danzare “La sagra della primavera” rappresenta per Sieni un’opportunità per rovesciare alcuni modelli colonialisti della coreografia occidentale, dove il rito appare esclusivamente come forma barbara; ai dodici interpreti viene chiesto di originare i movimenti da un continuum di risonanze e di stratificazioni ritmiche. La proposta di una danza che ricerca le risonanze ritmiche, dislocandole in infiniti punti del corpo e dello spazio, sarà il vero luogo che ogni danzatore si troverà a frequentare, reinterpretando il sacrificio come forma epifanica e morale del bene comune, la consapevolezza di un corpo altro, di un corpo che si dà per margini e soglie, per gesti di liberazione.

LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
email facebook twitter google+ linkedin pinterest