Sabato
11 luglio

21:00

Agorà

Evento gratuito.
Prenotazioni obbligatorie.


A cura di:
LAC Lugano Arte e Cultura

 

 


LAC en plein air è una produzione LAC Lugano Arte e Cultura in coproduzione con LuganoMusica, Orchestra della Svizzera italiana e Museo d’arte della Svizzera italiana, presentato nell’ambito del programma di mediazione culturale LAC edu.

Con il sostegno della
Partner principale LAC edu

Incontro con gli autori Paolo Di Stefano e Lorenzo Sganzini

 

LAC En Plein Air

Modera Maurizio Canetta
Legge Cristina Zamboni




Paolo Di Stefano e Lorenzo Sganzini, autori rispettivamente di
Noi (Edizioni Bompiani) e Passeggiate sul Lago di Lugano (Edizioni Casagrande), aprono la rassegna LAC en plein air nel segno della letteratura d’autore. Di Stefano racchiude nel suo ultimo lavoro, attraverso la voce del narratore, il senso di un’esistenza intera, raccoglie le tracce di un universo di vite non illustri eppure notevoli per comporre il romanzo di una famiglia, di un “noi”. Sganzini invece ci consegna una guida narrativa fatta di storie collettive e a volte personali per scoprire le ricchezze culturali nascoste nei boschi e nei villaggi attorno al lago di Lugano. I due scrittori illustreranno le loro opere in dialogo con Maurizio Canetta, direttore della RSI Radiotelevisione Svizzera. La serata sarà arricchita dalle letture dell’attrice Cristina Zamboni.



Finchè sprofondato nel camminare, nell’ascoltare le curiosità di Maria e nel risponderle, a un certo punto ho cominciato ad avvertire che lì insieme a me e a Maria, per le strade di Città Studi, ti eri aggiunto anche tu e soffiavi e parlavi con noi, non volavi ma camminavi e parlavi con noi, e ne ero sicuro, talmente sicuro che neppure ho voluto chiedere a Maria se sentiva la stessa voce che sentivo io. E così in tre abbiamo fatto le scale, siamo entrati in casa e io mi sentivo assurdamente felice.

Paolo Di Stefano
Noi
Edizioni Bompiani


Se il viandante di Caspar David Friedrich cercava il segreto dell’universo scrutando l’orizzonte sopra un mare  di nuvole, io, più modestamente, cerco  il segreto del posto, un nucleo di memoria comune, scrutando le rive dal lago.

Lorenzo Sganzini
Passeggiate sul Lago di Lugano
Edizioni Casagrande


Lorenzo Sganzini
È stato responsabile della Divisione cultura del Cantone Ticino e della Rete Due della RSI Radiotelevisione svizzera. Per la Città di Lugano, di cui pure ha diretto i servizi culturali, ha in particolare seguito la realizzazione del centro culturale LAC Lugano Arte e Cultura. Cura regolarmente esposizioni e volumi a carattere storico.

Maurizio Canetta
Laureatosi in Lettere e Filosofia all’Università di Pavia, nel 1980 viene assunto da RSI Radiotelevisione svizzera. Dopo il praticantato giornalistico al Telegiornale a Zurigo, è redattore, presentatore, inviato e capo edizione del Telegiornale fino al 1987. Diventa poi corrispondente da Palazzo federale, produttore della Domenica Sportiva e del Telegiornale. Nel 1993 è a capo del  Dipartimento Sport, nel 2000 del Telegiornale, nel 2007 di Falò e dei magazine di approfondimento dell'informazione. Continua a condurre e produrre programmi e reportage. Nel 2008 diventa responsabile del settore Cultura TV; da dicembre 2010 è a capo del Dipartimento Cultura. Dal 2012 al 2014 è responsabile del Dipartimento Informazione; dal giugno 2014 è direttore della RSI.

Cristina Zamboni
Attrice ticinese, si forma a Milano. Rientrata in Ticino, avvia numerose collaborazioni con realtà teatrali del territorio e con compagnie di Milano.Prosegue il suo perfezionamento d’artista seguendo numerosi seminari e laboratori tenuti da artisti, tra cui Paolo Rossi, Danio Manfredini, Chiara Guidi, Daria Deflorian, Virgilio Sieni, Armando Punzo, Carmelo Rifici. Dal 2006 è voce della RSI Radiotelevisione svizzera per Rete Uno e Rete Due e voce della trasmissione culturale RSI Cult TV e di Radio Svizzera Classica. È lettrice alle principali manifestazioni letterarie del Cantone e collabora con le Biblioteche di Lugano, Bellinzona e Locarno. 
Nel 2013 fonda Hamelin Teatro e debutta con 300 grammi di cuore realizzato insieme a Elisabetta di Terlizzi; il lavoro viene selezionato dal Premio Svizzero del Teatro nel 2014 per rappresentare la scena ticinese. Con Hamelin produce spettacoli per bambini Il soldatino di stagno e Hansel e Gretel, un ciclo di narrazioni sui Miti greci creato per il LongLake Festival di Lugano, La voce umana di Jean Cocteau con la regia di Andrea Novicov e La madre, commissionato dalla Fondazione per il Teatro Claudia Lombardi. È attrice in numerosi lungometraggi prodotti in Ticino e la protagonista di Barbara adesso di Alessandra Gavin-Müller, film che ha debuttato alle Giornate del Cinema di Soletta nel 2019 e che quest’anno ha vinto il premio come miglior film al Vail Film Festival in Colorado.