Calendario e informazioni >
X Chiudi

Sabato
18 novembre

14:00

Sala refettorio

Conferenza: Perché è così difficile comprendere la musica indiana

con Marcello Sorce Keller, Institut für Musikwissenschaft, Universität Bern

LuganoMusica

Anche quando l'Occidente era totalmente dominato da una presuntuosa visione eurocentrica della storia e dell'arte (peraltro non del tutto superata), il contatto con le musiche dell'India era per gli europei oltremodo sconcertante. Anche l'ascoltatore più ingenuo rimaneva colpito dalla sua evidente complessità e dalla sua altrettanto percepibile indecifrabilità.

Quando verso la metà del XVIII secolo il subcontinente indiano entrò nella sfera del colonialismo britannico, musicisti e studiosi inglesi cominciarono ad interessarsi alla musica che incontravano alla corte dei Maharaja e dei Sultani. Ne erano affascinati perché era evidente che non la si potesse definire “primitiva”. Era altrettanto evidente, e la documentazione storica lo confermava, che si trattasse di una tradizione colta, sviluppatasi nell'arco di millenni. 

La sua complessità era facilmente descrivibile, ma era il suo “senso” a rimanere elusivo. Moltissimo si è ormai scritto sulle musiche dell'India ed è oggi ben possibile entrare nella loro logica. Quando ci riusciamo, il premio consiste nel godere di una esperienza estetica, di natura assai differente rispetto a quella offerta da Mozart, Beethoven, o Wagner. Per arrivarci occorre però avere la disponibilità a cercare il senso della musica in forme e concatenazioni di suoni che la nostra formazione di europei rende difficile percepire. La precondizione per riuscirci è quella di seppellire nel dimenticatoio il luogo comune – totalmente errato – secondo il quale la musica sarebbe un “linguaggio universale”. 

LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
email facebook twitter google+ linkedin pinterest