email facebook twitter google+ linkedin pinterest
Impulse illumina l'inverno
Impulse illumina l'inverno, inaugurazione 03.12 ore 17:00
LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
Calendario e informazioni >
X Chiudi

Domenica
27 novembre

17:00

Teatro Foce

drammaturgia e regia di Giuseppe di Bello

con Elena Chiaravalli e Stefano Bresciani

scenografia e luci di Graziano Venturuzzo

collaborazione artistica di Cinzia Morandi

organizzazione Elena Chiaravalli e Elena Scolari

una coproduzione Teatro Pan, LuganoInScena e Teatro Invito

in collaborazione con LAC Edu e con la rassegna Senza confini, grandi e piccini insieme a teatro

Cat. prezzo N

La regina delle nevi

regia di Giuseppe di Bello

Teatro FOCELuganoInScena

Tickets

In un tempo lontano uno specchio malefico si ruppe e le sue schegge iniziarono a girare come polvere intorno al mondo e potevano entrare negli occhi delle persone. 

Quando questo accadeva la gente vedeva tutto storto, oppure vedeva solo il lato peggiore delle cose. A Kay una piccola scheggia dello specchio entrò addirittura nel cuore che diventò un pezzo di ghiaccio, fu così che la Regina della neve potè impossessarsi di lui e rubargli la memoria. Gerda riuscirà però a liberarlo e a restituire a Kay la capacità di ricordare e provare sentimenti.

Attraversiamo “La regina della neve”, una delle più belle fiabe di Andersen, ricca di simboli, per avventurarci nel mondo delle nostre emozioni: un viaggio incerto, forse pericoloso, disseminato di insidie e di trappole, di apparenze e credenze, di distorsioni ma anche di voci amiche che parlano a chi le sa ascoltare. Un viaggio come quello che Gerda compie alla ricerca del suo amico Kay.

Nello spettacolo tutta la vicenda è narrata da Sirka, figlia di terribili briganti e a sua volta brigantessa, e da Usko, il suo sciocco tirapiedi; figure losche ma anche tenere che conoscono tutta la storia per aver prima rapito e poi liberato Gerda e infine reincontrato i due ragazzini sulla via del loro ritorno a casa.

Attraverso una narrazione leggera, in un susseguirsi di momenti divertenti, a tratti esilaranti ma anche magici e commoventi, questa fiaba racconta di solitudine e di amicizia, racconta il viaggio nella vita. Incoraggia a riconoscere e vincere le proprie paure, a non temere di entrare nella regione del gelo perché è possibile uscirne, e talvolta  è necessario perdersi o sentirsi persi per darsi la possibilità di ritrovarsi e di crescere.