email facebook twitter google+ linkedin pinterest
Impulse illumina l'inverno
Impulse illumina l'inverno, inaugurazione 03.12 ore 17:00
LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
Calendario e informazioni >
X Chiudi

Venerdì
3 febbraio

20:30

Sala Teatro

Tariffa C

Julia Fischer, Milana Chernyavska

 

LuganoMusica

Tickets

Primo appuntamento con l’Artist in Residence 2016-2017, attraverso grandi classici e gemme rare tra Romanticismo e modernità.

Julia Fischer violino
Artist in residence 2016-2017

Milana Chernyavska pianoforte


Ludwig van Beethoven
Sonata per violino e pianoforte n. 6 in la maggiore, op. 30 n. 1

Karol Szymanowski
Sonata per violino e pianoforte in re minore, op. 9

Eugène Ysaÿe
Sonata per violino solo in mi minore, op. 27 n. 4

Edvard Grieg
Sonata per violino e pianoforte in sol maggiore, op. 13

Julia Fischer
L’abbiamo già ammirata come una delle più grandi artiste del violino, e dal suo strumento l’abbiamo anche già vista dirigere l’Academy of Saint Martin in the Fields (in quella che fu l’ultima stagione di Lugano Festival) ma quest’anno la scopriremo in un altro dei suoi numerosi talenti musicali: quello di interprete al pianoforte.
Una sonorità di rara eleganza, delle visioni musicali travolgenti, un fraseggio purissimo, una ricca varietà di sentimenti: ecco solo alcune delle qualità che la contraddistinguono e che verranno ribadite dai tre concerti in cui sarà protagonista.
Ascolteremo quindi Julia Fischer dapprima in récital il 3 febbraio: tra Beethoven e Grieg ci farà sentire anche una delle celebri sonate per violino solo di Eugène Ysaÿe, un repertorio particolare che Julia regolarmente propone su tutti i più grandi palcoscenici del mondo. A marzo – in un vero tour de force – potremo sentirla due giorni di seguito: prima nel Concerto di Benjamin Britten con la BBC Philharmonic, poi in una serata in duo con il violoncellista Daniel Müller-Schott. Proprio nel corso di questo appuntamento Julia Fischer abbandonerà nel camerino – per un momento – il suo magnifico violino, per sedersi al pianoforte e accompagnare la sonata Arpeggione di Franz Schubert. E come ideale pendant alla sonata di Ysaÿe del primo concerto, anche nell’ultimo episodio della sua “residenza luganese” Julia tornerà ai grandi classici per violino solo, con l’esecuzione di una delle sonate di Johann Sebastian Bach
Un talento immenso e multiforme ci aspetta per stupirci, commuoverci ed entusiasmarci.

Milana Chernyavska
Artista tedesca con radici ucraine, si è affermata come una delle pianiste più importanti del nostro tempo. 
All'età di sette anni, ha suonato al suo primo concerto presso la Philharmonic Hall nella sua città natale di Kiev. Nel 1990 si è laureata con lode presso il Conservatorio Tchaikovsky di Stato. Sono seguiti corsi di perfezionamento con maestri e pianisti di fama internazionale, tra cui Alfred Brendel, D. Bashkirov, W. Krainev, Sergio Perticaroli, Boris Bloch, Dario de Rosa e Alexander Lonquich. Nel 1994 Milana Chernyavska ha ricevuto il premio piu' importante del suo paese d'origine, "Meritata Artista Ucraina".
Suona regolarmente a festival internazionali e nei maggiori centri musicali di tutto il mondo. Le sue realizzazioni artistiche sono state premiate con numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Ha partecipato a concorsi a Parigi, Firenze e Kiev, dove ha preso la medaglia d'oro al Concorso Pianistico Internazionale "Vladimir Horowitz e Regina ".
Oltre ad avere una carriera da solista, Milana Chernyavska è un musicista da camera celebre. Si esibisce regolarmente con artisti del calibro di Julia Fischer, Lisa Batiashvili, Arabella Steinbacher, Sebastian Klinger, Maximilian Hornung, Daniel Müller-Schott, Susanna Yoko Henkel, David Garrett, il Quartetto Vogler e altri.