email facebook twitter google+ linkedin pinterest
Impulse illumina l'inverno
Impulse illumina l'inverno, inaugurazione 03.12 ore 17:00
LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale

Intervista al Maestro Ferruccio Soleri

Abbiamo incontrato l'attore, Leone d'oro alla carriera nel 2006, che dal 1960 interpreta il personaggio di Arlecchino nella commedia goldoniana “Arlecchino servitore di due padroni”, spettacolo manifesto del Piccolo Teatro di Milano dal 1947

Maestro Soleri, quando ha interpretato per la prima volta Arlecchino?

Durante i miei studi all'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico" a Roma. Nel corso del secondo anno, Orazio Costa mi ha fatto interpretare Arlecchino nella commedia goldoniana “La figlia obbediente”. La prima volta invece che ho impersonato il personaggio in “Arlecchino servitore di due padroni” è stata al New York City Center nel 1960. I Sindacati americani prevedevano che il protagonista assoluto dello spettacolo venisse sostituito almeno una volta a settimana. Mi fu quindi chiesto di sostituire Marcello Moretti.

Sono quindi più di cinquant’anni che interpreta il personaggio. Ci può svelare qualche segreto dell’anima di Arlecchino e le sue sfumature? Cosa le aveva suggerito Strehler?

Arlecchino è un ingenuo, un personaggio del popolo e non ha quindi un carattere complesso. È di una semplicità disarmante. Inizialmente dovetti copiare esattamente quanto faceva Marcello Moretti. Quando poi lui morì, e Strehler riprese lo spettacolo con me, cambiò un po’ il personaggio.

Qual è il segreto del successo di questo spettacolo firmato da Strehler? Che cosa piace tanto?

Anche se viene recitato in parte in dialetto, è uno spettacolo facilmente comprensibile da tutti. Nella commedia dell’arte ci si esprimeva attraverso la gestualità e la tonalità, che aiutavano a capire i sentimenti dei personaggi pur non comprendendo qualche volta la lingua.

Lei è l’attore italiano più conosciuto al mondo. Come si prepara prima di uno spettacolo? Cosa prova appena sale sul palco?

Due mesi prima dello spettacolo comincio a fare stretching. Per il fiato salgo e scendo tre piani di scale. Naturalmente amo il contatto con il pubblico e la sfida di rendere il personaggio che interpreto convincente.

In un’intervista ha detto di portare sempre con sé la maschera che usa in scena. Lo fa ancora oggi? Qual è il ricordo più divertente legato al suo Arlecchino?

Sì, perché è così personale… fa parte di me, non vorrei che venisse persa. In una tournée africana riuscirono a rubarmela. Da quel giorno la porto sempre appresso.

Il ricordo più divertente è legato ad una replica a Londra, nel 1967: siamo andati al ristorante invitati dalla Regina di Inghilterra e sua sorella, la principessa Margaret, interruppe il pranzo per scambiare due parole con me. È stata una cosa incredibile.

Perché venire a vedere “Arlecchino servitore di due padroni”?

È uno spettacolo davvero unico, che Strehler ha fatto in un modo meraviglioso. È un grande capolavoro di Teatro.

> La scehda dello spettacolo