email facebook twitter google+ linkedin pinterest
Impulse illumina l'inverno
Impulse illumina l'inverno, inaugurazione 03.12 ore 17:00
LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale

Immagini dalla conferenza stampa di apertura del MASI

L'opinione di Mc Call e Paolini sul LAC

18.9.2015

Più di 150 giornalisti hanno partecipato l’11 settembre alla conferenza stampa di presentazione delle mostre d’apertura del MASI. Oltre al direttore del MASI Marco Franciolli sono intervenuti il consigliere di stato Manuele Bertoli, il sindaco Marco Borradori, la vicesindaca Giovanna Masoni Brenni, Danna e Giancarlo Olgiati che hanno presentato il nuovo allestimento dello spazio -1 e gli artisti Anthony Mc Call e Giulio Paolini, protagonisti di due delle quatto mostre inaugurali: ecco le loro dichiarazioni a proposito del LAC

Anthony Mc Call
Ho avuto modo di scoprire gli spazi museali del LAC perché vi ho lavorato: la mostra delle mie “sculture di luce” occupa il livello -2 del museo. Rispetto agli standard di qualunque museo questo spazio è enorme, è ampio ha e alti soffitti; oltre a ciò è completamente buio. Queste caratteristiche lo rendono ideale per la presentazione dei miei lavori scultorei creati a partire da un fascio di luce proiettata. Benché le installazioni di grandi dimensioni e le immagini in movimento siano i media prediletti dagli artisti delle ultime due generazioni, solo pochi musei, anche fra quelli di recente costruzione, hanno spazi adatti a esporre lavori di questo tipo: trasformare gallerie convenzionali in spazi ampi, scuri e acusticamente isolati non è certo un’impresa facile. Sin dalla sua inaugurazione il LAC sembra quindi avere una risorsa fondamentale: possiede spazi adatti a presentare al meglio opere d’arte contemporanea che molti altri musei non possono offrire..

Giulio Paolini
Del LAC apprezzo e approvo soprattutto la natura stabile, permanente e formativa. Una necessaria alternativa alla crescente valanga di eventi, festival, biennali e triennali, appuntamenti effimeri rivolti a catturare l'attenzione fragile e momentanea per qualcosa, come la cultura, che esige invece fondamenta e apparati destinati durare nel tempo. Mi sembra oltretutto che il LAC sia un luogo accogliente sia per gli artisti che per il pubblico in generale.