Calendario e informazioni >
X Chiudi

Domenica
11 giugno

15:45

Chiesa degli Angioli

Concerti spirituali

In Festo Sanctissimae Trinitatis

Musica

Robert Kowalski, I violino OSI
Claude Hauri, violoncello
Giulio Mercati, organo

Maurice Duruflé (1902-1986)
Prélude et Fugue sur le nom d’Alain
Per organo

Josef Gabriel Rheinberger (1839-1901)
Suite op. 149 per violino, violoncello e organo
Con moto, Tema e variazioni, Sarabanda, Finale


Robert Kowalski, primo violino dell'Orchestra della Svizzera Italiana affascina il pubblico con il suo suono unico, caldo e vivace ma nobile musicalità. Il suo percorso artistico sembra di essere stato predeterminato quando sua madre acquista un piccolo violino prima della sua nascita. Con questo strumento riceve le sua prima lezione di violino e solo quattro anni dopo debutta con la Baltic Philharmonic Orchestra suonando il celebre concerto per violino di F. Mendelssohn. Il suo repertorio solistico spazia dal barocco alla musica odierna. Appare regolarmente come solista e nelle formazioni da camera ai festival musicali in Europa, USA e Asia, esibendosi in sale da concerto come Mozarteum di Salisburgo, Musikhalle di Amburgo e la Carnegie Hall di New York. Gli vengono attribuiti il Premio Val Tidone 2005, il Primo Speciale alla Alexander Tansman International Competition of Musical Personalities, il Premio Giovani Creatori del Sindaco della città di Danzica, il Premio per Giovani Artisti del Ministero della Cultura Polacca, il Premio Young Poland del Governo Polacco. Nato nel 1985, Robert Kowalski ha studiato in Germania e in Svizzera con Waleri Gradow e ha ricevuto ulteriori impulsi da Kolja Blacher e Ana Chumachenco. Inoltre la sua crescita musicale è stata fortemente influenzata da Bernard Greenhouse, Ivry Gitlis e Ida Haendel. Robert ha collaborato con personalità musicali come Vladimir Ashkenazy, Martha Argerich e Julian Rachlin, che sono un'enorme fonte di ispirazione per lui. Gli highlights della stagione 2016/17 includono un recital al Musikverein di Vienna e la registrazione del concerto per violino di Richard Strauss con l'Orchestra della Svizzera Italiana e Markus Poschner che uscirà nel 2017 per l'etichetta CPO. Robert Kowalski, sempre alla ricerca di espandere i suoi orizzonti musicali, ha recentemente aderito il famoso Quartetto Szymanowski. Suona un violino di G.B. Guadagnini del 1767 „Ex Joachim“ generosamente messo a disposizione dalla Fondazione "Pro Canale“.

Claude Hauri inizia giovanissimo lo studio del violoncello con il maestro Taisuke Yamashita che lo accompagna fino al diploma, ottenuto presso il Conservatorio a Lugano. Prosegue poi gli studi con Raphael Wallfisch, con il quale ottiene il diploma di perfezionamento alla Musikhochschule di Winterthur, Alain Meunier e Zara Nelsova. Violoncello solista dell’Ensemble Nuovo Contrappunto di Firenze e dell’Ensemble Algoritmo di Roma, ha suonato come primo violoncello nella Youth World Orchestra della Jeunesses Musicales. Quale solista e in gruppi da camera svolge un’intensa attività concertistica che lo vede esibirsi intensamente in tutta Europa, in Australia e in Sud America in festival quali Amici della Musica di Palermo, Biennale di Venezia, Unione Musicale di Torino, Associazione Musicale Lucchese, National Academy Melbourne, Concerti al Quirinale a Roma, Musica Insieme di Bologna, Teatro El Circulo a Rosario, Foundacion Kinor Buenos Aires, Festival Lubjiana, Festival Nancy. In qualità di solista con orchestra si è esibito negli ultimi anni con numerose orchestre (tra cui l’Orchestra di Fiati della Svizzera italiana, l’Orquesta Sinfonica Nacional Argentina, l’Orchestra della Svizzera italiana, l’Orquesta Sinfonica de Entre Rios, l’Orquesta Sinfonica Uncuyo, l’Ensemble Nuovo Contrappunto di Firenze sotto la direzione di direttori quali Piero Gamba, Reinaldo Zemba, Kevin Griffiths, Mario Ancillotti e Louis Gorelik). Dedica particolare attenzione al repertorio contemporaneo. Moltissime le prime esecuzioni, spesso a lui dedicate, e le collaborazioni con compositori quali S. Sciarrino, L. De Pablo e P. Glass, per citarne solo alcuni. Numerosi i concerti trasmessi in diretta radiofonica per emittenti quali SSR RSI, DRS, RAI e incisione discografiche edite da Amadeus, Jecklin, Nuova Era, Szene Schweiz. Le ultime pubblicazioni discografiche lo vedono impegnato con la violinista Bin Huang (Brilliant Classics) e con il Trio des Alpes (Dynamic). Suona uno splendido violoncello di Gian Battista Zanoli, liutaio italiano del ‘700. Insieme a Corrado Greco e alla violinista Mirjam Tschopp dà vita al Trio des Alpes, con cui svolge intensa attività in tutta Europa.

L’ingresso a tutti gli eventi è libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Domenica 11 giugno 2017, ore 15.45

In Festo Sanctissimae Trinitatis
Robert Kowalski, I violino OSI
Claude Hauri, violoncello
Giulio Mercati, organo

Domenica 25 giugno 2017, ore 15.45

In festo SS. Petri et Pauli Apostolorum

Zora Slokar, I corno OSI
Vittorio Ferrari, I corno OSI
Giulio Mercati, organo

LAC Lugano Arte e Cultura
Partner principalePartner principale
email facebook twitter google+ linkedin pinterest